Quali sono le modalita', i requisiti e le caratteristiche per poter accedere ai mutui statali agevolati?



Tutti i dipendenti statali, ossia di pubbliche amministrazioni, hanno la possibilita' di richiedere dei mutui agevolati rivolgendosi all' Istituto Nazionale per la Previdenza dei dipendenti Statali.

Esso infatti offre dei mutui ipotecari con tassi agevolati ai suoi iscritti e anche ai pensionati che si iscrivono alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Tale mutuo puo' essere richiesto esclusivamente per l'acquisto della prima casa oppure per la ristrutturazione di un immobile di proprieta' del richiedente, purche' ne' egli ne' alcuno del suo nucleo famigliare posseggano una casa nel raggio di 100 km dal punto in cui devono acquistare.



L'importo massimo concedibile e' di 300mila euro per l'acquisto dello stabile e di 100mila euro per la ristrutturazione; puo' essere rimborsato con una durata fissa o variabile che va da 10 a 30 anni.

Il tasso riconosciuto e' agevolato; si puo' scegliere il tasso fisso del 3,75% fino alla scadenza del rimborso del mutuo oppure un tasso variabile fissato in 3,50% per il primo anno e per gli anni seguenti un aumento indicizzato legato all'Euribor.


Il richiedente deve prendere la residenza presso l'immobile che sta acquistando almeno per i primi 5 anni a meno che non estingua in anticipo il mutuo sottoscritto.

La richiesta del mutuo va fatta compilando un apposito modulo che si trova presso l'INPDAP oppure lo si puo' scaricare online tramite servizio ora gestito dall'INPS.


Verra' concesso l'eventuale finanziamento in base a graduatorie fatte trimestralmente che seguiranno particolari criteri.

Autocertificazione Spiegata | INPDAP | Scarica Moduli