Quando si può presentare una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta'


Tutti i cittadini possono avvalersi delle "Dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorieta'" e delle Dichiarazioni sostitutive di certificazioni" come prevede il D.P.R. 28/12/2000 n° 445 e gli enti pubblici sono obbligati ad accettarle.

La Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' e' un documento tramite il quale si puo' dichiarare una situazione riguardante il sottoscrittore oppure persone ad esso legate, in tutti i casi in cui non si puo' utilizzare la "dichiarazione sostitutiva di certificazione".


Tale dichiarazione puo' essere usata solamente nei rapporti con Amministrazioni Pubbliche: Regioni, Provincie, Comuni, Prefetture, Tribunali, Scuole, Inps, eccetera.
Con i gestori di servizi pubblici come: Poste Italiane, Aziende Elettriche e del Gas, eccettera; inoltre con tutti i privati che lo consentono. Come e quando va usata la dichiarazione sostitutiva dell'atto notorio?

Si può usare per attestare che la copia di un documento rilasciato da pubblica amministrazione è "conforme all'originale" Dichiarare "Stati" , per esempio essere erede di ... , oppure proprietario di ... Dichiarare "Fatti" , come per esempio aver subito danni per calamita' naturali Dichiarare "Qualita' Personali" come di non essere soggetto ad imposta, o avere dirito al tiket sanitario Non si possono sostituire con tale dichiarazione i certificati medici o veterinari.

Non possono essere dichiarate cose non ancora accadute, ne' rinunce ad eredita' per le quali bisogna recarsi da un notaio.

Le dichiarazioni rivolte alle amministrazioni pubbliche o ai gestori di servizi pubblici non sono soggette ad autenticazione della firma; basta firmarle di fronte all'impiegato che riceve la dichiarazione o spedirle per posta o via fax allegando un documento di identita' valido; se si invia per mail è indispensabile la firma digitale o pec.

Se la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' deve essere presentato ad enti pubblici per riscuotere denaro, per esempio pensioni oppure chiusura conti correnti per successione, la firma deve essere autenticata da un notaio, o cancelliere, o segretario comunale o un incaricato dal Sindaco e di conseguenza e' soggetto al pagamento della marca da bollo di euro 14,62.

I modelli sono reperibili online, oppure presso l'ufficio al quale bisogna consegnarlo dopo averlo compilato.


Autocertificazione in breve | Come crearsi un piano di ammortamento